SEO e SEA: le differenze a confronto

seo-sea-marketing

In una società in continua evoluzione come la nostra, dove tutti gli ambiti di vita sono sempre più digitalizzati, il Web Marketing costituisce elemento cruciale di qualsivoglia compravendita online e strategia di comunicazione.

Se parliamo di Web Marketing, viene naturale ed automatico parlare di SEO e SEA, sigle che sentiamo nominare costantemente; l’acronimo SEO sta per Search Engine Optimization, una strategia per ottimizzare contenuti pensata per i motori di ricerca. L’acronimo SEA sta ad indicare invece Search Engine Advertising, ovvero parliamo in breve di un modo di fare pubblicità appositamente per i motori di ricerca.

Dopo questa breve sintesi per inquadrare ciò di cui intendiamo parlare, analizziamo più a fondo in cosa consistano le metodologie SEO e SEA e in cosa si differenzino sostanzialmente.

SEO e SEA : caratteristiche e differenze.

La straegia SEO abbiamo specificato si tratti di un modo per ottimizzare contenuti pensata per i motori di ricerca, quindi possiamo dire che vanno sotto acronimo SEO tutte quelle attività e strategie che hanno l’obiettivo di migliorare la posizione del proprio sito sui vari motori di ricerca, in modo che esso possa venir trovato subito dagli utenti che effettuano una ricerca su Google o su altri portali. Come funziona? Semplicemente i vari motori di ricerca mettono in evidenza quei siti i cui contenuti ed argomenti sono facili da identificare ; questo accade utilizzando le giuste keywords, parole chiave che risultano più influenti per l’argomento in questione e che consentono di rendere la nostra pagina più visibile rispetto alle altre.

La strategia SEA l’abbiamo definita come una pubblicità mediante motori di ricerca; in pratica, facendo SEA l’obiettivo è sempre quello di ricavare la maggiore visibilità possibile per il proprio sito e i propri contenuti, aumentando il traffico di utenti, ma questo scopo viene raggiunto pubblicando sui vari motori di ricerca degli annunci che sono a pagamento. Parliamo dunque di una concreta attività di sponsorizzazione online che viene attuata attraverso campagne pubblicitarie dietro compenso economico.

Ma cosa differenzia in sintesi la SEO e la SEA? Sostanzialmente, parliamo di un fattore economico ; infatti, entrambe le strategie di marketing utilizzano lo strumento della parola chiave per pubblicizzare contenuti, ma mentre per la strategia SEO questa pubblicizzazione è organica al sito e avviene in maniera gratuita, in un’ottica SEA è necessario pagare per far si che il sito in questione venga cliccato, in base alla parola chiave correlata.

Quest’elemento del pagamento porta ad una secondaria sostanziale differenza tra la SEO e la SEA, rappresentata dai tempi di efficacia delle due strategie: quanto ci vuole veramente per ottenere i risultati sperati? Chiaramente i tempi della SEA sono molto più rapidi: pagando è possibile chiaramente ottenere al più presto i risultati auspicati. Per quanto concerne invece la strategia SEO, i tempi sono decisamente più lunghi, ma hanno più durata sul lungo termine: infatti la SEO consente di posizionare un sito web nei motori di ricerca molto a lungo, a differenza dei contenuti pubblicizzati tramite SEA che sono si più rapidi ma anche fugaci.

Quello che possiamo affermare dopo aver spiegato in sintesi di cosa parliamo quando nominiamo le strategie SEO e SEA è che ognuna delle due modalità non preclude necessariamente l’altra; anzi, un uso congiunto delle due può portare a risultati veramente eccellenti nell’ottica dell’indicizzazione del proprio sito. SEO e SEA basano la loro strategia entrambe sull’utilizzo delle keywords ed entrambe hanno il fine di incrementare il traffico diretto ad un determinato sito web. L’ideale sarebbe proprio una sinergia delle due strategie per ottimizzare i tempi, i costi e i risultati ed ottenere i propri obiettivi in maniera si veloce, ma anche duratura nel tempo.

addobbare casa natale Previous post Come addobbare al meglio la propria casa per le feste di Natale
olio-di-oliva-extravergine Next post Olio di oliva: come capire se è davvero extravergine